Panservice - Internetworking per azienda e privato - www.panservice.itContattaci al numero verde 800 901492
Contatti
Home Chi siamo Connettivita' internet Cloud Web hosting Server virtuali/dedicati Housing e colocation Domini Email e pec Firewall e vpn Servizi e soluzioni Voice over ip Area clienti Servizio clienti online Helpdesk Bollettini Configurazioni F.a.q. Adsl Housing Voip Problemi comuni Risorse e strumenti Area rivenditori Tutela dei minori Lavora con noi
I questiti più frequenti sul servizio di housing

Home PageHomeArea clientiHelpdeskF.a.q.Housing

F.A.Q. HOUSING

Cosa significa "1U, 2U, 4U" ?
L'altezza degli apparati per rack a 19 pollici è tipicamente misurata in unità dove 1U (una unità) corrisponde a circa 44 millimetri o 1,72 pollici, quindi poco più dell'altezza di una normale scatola per la consegna a domicilio della pizza. Apparati di dimensione maggiore hanno altezza pari a 2 o 4 unità, ovvero 88 o 176 millimetri. Un normale case minitower disposto in posizione orizzontale occupa più o meno un'altezza pari a 4U.

Di quanti indirizzi IP avrò bisogno ?
Tipicamente per piccoli housing l'indirizzo IP fornito è più che sufficiente, perché con l'uso di HTTP 1.1 è possibile utilizzare un solo indirizzo IP per più nomi di host, ciascuno con il suo nome a dominio. Qualora configurazioni particolari richiedessero più indirizzi è possibile avere subnet di 8 o 16 indirizzi o eventualmente subnet di dimensioni superiori in caso di richiesta giustificata da motivazioni valide.

Ho bisogno di una porta di rete a 10 oppure a 100 Mbit/s ?
Se l'ampiezza di banda della porta è inferiore o uguale a 2 Mbit/s è sufficiente una scheda a 10 Mbit/s. Tuttavia per ragioni di praticità e scalabilità è consigliabile predisporre le macchine con schede di rete 10/100.

Come avviene la connessione alla rete ?
Tutto l'hardware del cliente (per ciascun contratto di housing) deve far capo a un unico punto di interconnessione esterna. Tipicamente si cade in quattro situazioni tipiche:

  • Singola macchina con porta 10/100/1000baseT
  • Singola macchina + router con porta V.35 o ethernet
  • Più macchine connesse su uno switch 10/100baseT
  • Più macchine connesse su uno switch + router con porta V.35 o ethernet

A seconda dell'hardware fornito dal cliente, e di quanto contrattualizzato, l'ISP potrà fornire una porta Ethernet switched 10baseT, 100baseT, 1000baseT, V.35.

Vorrei proteggere il server in housing con un mio firewall. E' possibile ?
La colocation a 'basso consumo' è stata creata proprio per queste esigenze e permette di ospitare in housing un apparato rack 1U con consumo inferiore o uguale a 50 Watt. In questo caso la 'banda' sarà consegnata sul firewall e il firewall sarà collegato al server con un cavo 'cross'. Qualora il server da proteggere fosse più di uno è necessaria anche la colocation di uno switch (tipicamente 1U basso consumo) cui saranno connessi la porta LAN del firewall e tutti i server.

Un solo server non mi basta, come posso fare ?
Ci sono due possibilità. La prima è quella di pagare il costo di attivazione e il costo di colocation per ogni macchina aggiuntiva. La seconda è quella di pagare il solo costo di colocation per ogni macchina, e di aggiungere uno switch 1U al costo di colocation a basso consumo.

E se ho necessità di un intero armadio ?
Non c'è nessun problema. E' possibile infatti sia usufruire di un armadio dedicato a costi da concordate che fornire direttamente un armadio completo (armadio, UPS, monitor, ripiani, server, switch, ecc.) da ospitare in housing. In quest'ultimo caso, salvo diversi accordi, l'armadio dovrà avere un unico cavo di alimentazione e un'unica connessione di rete.

Quale sarà il mio percorso verso internet ?
Un traceroute effettuato da un server in housing ha tipicamente un aspetto di questo genere:

1 fw-fas3-h.ltn.panservice.it (212.66.96.60)
  0.342 ms 0.665 ms 0.421 ms - Firewall
2 core1-ge0-0-0.ltn.panservice.it (212.66.96.126)
  1.229 ms 1.159 ms 1.306 ms - Router
3 internet

Che caratteristiche deve avere la macchina in housing se fornita dal Cliente ?
Le caratteristiche fondamentali sono: essere fornita accompagnata da documentazione fiscale e da dichiarazione del possesso delle licenze d'uso del software installato, essere conforme alle normative di sicurezza (es. CE), essere dotata di una scheda di rete con connettore RJ-45, essere dotata di cavo di alimentazione ed essere dotata di staffe se di tipo rack-mount.

Se si verificano problemi posso accedere al server ?
La manutenzione del server deve essere fatta, per quanto possibile da remoto (es. SSH o telnet per macchine Unix, PC Anywhere, Timbuktu o altro per macchine Windows). In caso di interventi che richiedano l'intervento fisico sulla macchina è possibile concordare un appuntamento in orario di apertura al pubblico o in altri orari in caso di problematiche di particolare gravità. Interventi di verifica e o semplice riavvio del sistema potranno essere richiesti all'helpdesk.

Come posso monitorare il mio sistema ?
All'attivazione del servizio viene fornito un codice d'accesso ad una pagina costantemente aggiornata contenente le statistiche del traffico in entrata e in uscita sulla porta dell'housing. Il grafico disporrà di una visualizzazione giornaliera, settimanale, mensile ed annuale.

Non ho ben capito che differenza c'è fra porta e Banda Pianificata.
La porta rappresenta la massima ampiezza di banda raggiungibile dal server, in modalità best effort, qualora si opti per il servizio Smart Peak che consente sforamenti rispetto alla Banda Pianificata.

Posso usufruire di servizi a corredo dell'housing ?

Si, le macchine in housing possono usufruire di servizi Panservice quali DNS, PROXY, feed NNTP, MX secondario, ecc.

© Panservice 1995-2018
Carta servizi - Trasparenza tariffaria - Confronta Offerte AGCOM - Sistema Informativo Nazionale Banda Larga - Privacy Policy - Tutela minori - Info. copyright - Note legali